Thursday, 21 December 2017

HOME



Sito personale di Lharampa Geshe Lama Gedun Tharchin

Con l'augurio rivolto a tutti gli esseri di poter incontrare la felicità; 
Realizzando la rinuncia, la mente distaccata;
 la Bodhicitta, la mente altruistica per infinite essere senzienti; 
la Vacuità, la massima visione della Chiara Luce.
geshe Gedun Tharchin



Sunday, 17 December 2017

Buon Natale e Felice Anno 2018


Tu sei preghiera

Quando la luce del tramonto scende là dietro
e ti strugge la malinconia, è preghiera.
Quando ti commuove l'alba, piccola e fragile
come il sorriso di un bimbo, è preghiera.
Quando un gesto gentile, un sorriso sconosciuto, ti raggiunge nella folla,
quell'istante di gratitudine alla vita è preghiera.
Quando un abbraccio risponde per un momento alle attese del tuo cuore e del tuo corpo,
gioisce esaudita la tua nativa preghiera
Quando una lettura tramite i tuoi occhi ti tocca l'anima,
è l'umanità che risponde alla tua antica preghiera.
Quando ascolti una musica che danza nel tuo petto,
quella ti è data come preghiera.
Quando il dolore ti tocca, ti ferisce, ti priva di una presenza,
il tuo pianto silenzioso è preghiera.
Quando il fiorire di un bimbo, la primavera sul prato, ti danno delizia,
questo è tua preghiera.
E quando la forza della montagna, o quella del mare, o la bellezza dell'immaginazione,
prendono la tua attenzione ammirata, è tua preghiera.
Quando ti assedia la solitudine, e nessuna voce ti risponde,
il tuo silenzio attonito è preghiera.
Quando il tuo cuore canta, quel canto è preghiera.
Quando ti chiedi perché
- perché la volontà di vita, perché l'amore e perché l'odio, o la fredda indifferenza -
la tua domanda muta è preghiera.
Quando in un volto e in un ascolto appare l'amicizia,
la pace che senti è preghiera.
Quando finirà il tuo tempo, quell'ultimo respiro sarà l'estrema preghiera.
Tu preghi sempre, così come respiri, come i tuoi occhi cercano,
come il tuo cuore attende: tu sei preghiera.
Anche se non sai chi preghi, ora sai che sempre preghi,
perché desiderare e attendere è preghiera.
Noi desideriamo perché siamo misteriosamente chiamati:
è questo l'inizio di ogni preghiera.
Alle religioni maestre, a chi ignora una vita attorno a questa,
a chi ti offre formule e ricette, e santi e altari da pregare, rispondi che,
di là da tutto questo, tu sei la tua preghiera, tu sei nell'universale preghiera.
È una vita, anima della tua vita, la tua preghiera.           e. p.